Trick & Tips

Come rendere perfetto uno stop over a Bangkok

Mi e’ capitato sovente di dover rispondere a domande su come organizzare un mini soggiorno o ancora meglio uno stopover a Bangkok tra il tempo di attesa tra due voli aerei. Con 2 aeroporti di caratura internazionale, di cui uno aperto neanche 15 anni fa e già al limite delle recettività dei voli e l’altro a cui è stato da poco riattivato il secondo terminal, capita sempre più spesso che qualcuno in viaggio di lavoro o al rientro da una vacanza in posti ancora più lontani rispetto alla Thailandia, si trovi a dover spendere un pugno di ore nella capitale del regno del Siam.

Se pensavate di dover passare queste ore ciondolando in aeroporto sappiate che avete di meglio da poter fare è solo una questione di giusta organizzazione e di avere le informazioni giuste. Seguitemi e vi spiego come organizzare un ottimo stop over a Bangkok.

Nota bene: visto che la maggior parte dei voli intercontinentali arrivano o fanno scalo al Suvarnabhumi Airport questa guida è incentrata su questo aeroporto tra i due presenti in città.

Tempistiche minime per lo stop over

Se avete intenzioni “serie” la prima cosa da fare è calcolare bene i tempi, il tutto al netto di intoppi che potrebbero capitare. Tra questi il classico ritardo dell’aereo con cui arrivate a Bangkok, l’eventuale traffico in città se decidete di muovervi con i taxi e chissà quali altri imprevisti. Ricordate quindi che al tempo che avete a disposizione tra un volo e l’altro di aggiungere una percentuale di tolleranza che vi dia appunto l’elasticità di sfuggire eventuali contrattempi ed imprevisti.

Da questo se ne deduce che se avete tra le classiche 2 o 3 o anche fino a 4 o 5 ore a disposizione ore tra volo e l’altro potete anche smettere di leggere il resto. Troppo poco tempo, troppo alto il rischio che il vostro aereo arrivi in ritardo e vi mangi le ore che avete a disposizione sulla carta o peggio ancora che un intoppo, banalmente troppa fila ai banchi dell’immigration, vi faccia perdere il secondo dei due voli aerei.

Se il tempo che avete a disposizione va dalle 6 o 7 ore fino alle 15 allora siete a cavallo, avete il tempo minimo necessario più un buon margine di sicurezza per una sortita in città con tanto di sessione con una gnocchettina dagli occhi a mandorla.

Se avete più di 15/18 ore allora trattasi di una vera e propria giornata, o nottata, che potete passare in città organizzandovela in maniera meno sincopatica come fosse una vera e propria gita fuori porta. Se dovete passare la notte quindi potete direttamente passare alla prenotazione di un hotel in città magari posizionato vicino alle zone di vostro interesse e non lontano da una fermata dello skytrain che vi servirà per arrivare o ritornare in aeroporto ma di alberghi ne parlo in maniera più approfondita tra poco.

Deposito bagagli

Se il vostro stopover a Bangkok è breve e le vostre intenzioni sono bellicose (dal punto di vista della gnocca s’intende) allora è meglio che vi liberiate della zavorra al seguito (se ne avete ovviamente). L’aeroporto Suvarnabhumi è dotato di 2 depositi bagagli facilmente individuabili in quanto si trovano uno al piano delle partenze, livello 4, vicino ai banchi del check in ed uno al piano degli arrivi (livello 2) vicino agli uffici della Tourist Police. A questi due si aggiunge anche il servizio offerto da una società specializzata di stoccaggio di bagagli la Airportels che ha il suo deposito proprio vicino alle banchine dell’Airport Link il treno che collega l’aeroporto con la città.

Per entrambe le soluzioni il costo per lo stoccaggio del bagaglio è di 100 baht per le prime 24 ore passate le quali si entra in tariffazioni diverse ma dubito che sia una cosa che vi interessi molto in quanto in questo caso parliamo di custodie giusto per una manciata di ore.

Cambio soldi

Bene, siete atterrati, avete passato l’immigrazione e depositato il bagaglio ora non vi rimane che l’ultima seccatura burocratica prima di andare a caccia di figa in città: i soldi. Andare a figa senza soldi non è consigliabile e visto che l’aeroporto Suvarnabhumi è dotato di alcuni dei migliori cambi valuta che ci sono tanto vale sfruttare qui la situazione. Recatevi quindi presso uno dei Super Rich presenti proprio vicino alle banchine dell’Airport Link e cambiate quello che vi serve. Potrete notare differenti banchi che si chiamano tutti “Super Rich Qualcosa” e contraddistinti ognuno da un colore. Scegliete pure secondo il vostro gusto cromatico l’importante è solo che usiate uno di questi sportelli piuttosto che uno dei numerosi altri che potete incontrare in aeroporto.

Se siete sprovvisti di contante da cambiare allora usate uno dei numerosissimi ATM per prelevare qualche indispensabile pezzo da 1000 baht.

Arrivare in città con il taxi o con il treno?

É giunto finalmente il momento di marciare verso l’obiettivo. La comodità del taxi con il suo rischio di rimanere imbottigliati nel traffico o l’efficienza dell’Airport Link a cui poi accoppiare un altro tratto in metropolitana o skytrain? Il dilemma viene risolto sempre tenendo d’occhio l’orologio e ricordatevi di non prendere inutili rischi di perdere l’aereo.

Proprio per quanto sopra detto io vi consiglio l’Airport Link, il treno che vi porta fino in centro città direttamente dal piano interrato dell’aeroporto. Potete arrivare fino in fondo a Phaya Thai e poi da li proseguire con lo skytrain BTS. Le banchine sono su piani di versi ma non dovete scendere in strada, oppure potete scendere a Makkasan e poi dopo un breve tratto a piedi prendere la metropolitana e scendere alla fermata Sukhumvit per trovavi direttamente nella Asoke Intersection (quella dove c’è soi cowboy per capirci) oppure dirigervi verso la Ratchada Road, quindi metropolitana per le fermate Sutthisan o Huai Khwang dove trovate molti soapy massage pronti ad accontentarvi.

Se optate per il taxi dovrete dare un indirizzo esatto dove volete essere portati, non dite assolutamente che siete li solo per poche ore e volete solo andare a cercare una figa per passare qualche ora in allegria altrimenti chissà dove vi porta di sua iniziativa. Dategli un indirizzo del tipo Sukhumvit soi 4 (soi nana) o Sukhumvit Asoke Intersection, se state optando per un massaggio non date il nome o l’indirizzo esatto del massaggio stesso. Siate furbi, ricordatevi che la corsa aeroporto – centro città costa di media tra i 250 ed i 350 baht a cui aggiungere il pedaggio dell’autostrada (possono essere uno o due caselli al massimo).

Avete le lancette dell’orologio che vanno inesorabilmente avanti e quindi ricordatevi di non perdete tempo in inutili esplorazioni o fantasiosi quanto improbabili tentativi, preparatevi prima, siate informati e di conseguenza efficaci.

Dove andare in buca

La scelta è ampia ed anche poche ore a Bangkok possono davvero regalare emozioni uniche tanto da farvi programmare il vostro prossimo viaggio di piacere o lavoro proprio inserendoci in maniera premeditata uno stop over a Bangkok magari proprio per provare più possibilità di tipo scopereccio.

Qui sotto vi elenco quelle che secondo chi vi scrive sono le migliori opportunità che uniscono velocità e risultato. Ovviamente non sono le uniche possibilità che avete a Bangkok di trombare una gnocca ma sono quelle che più si adattano ad uno stop over di successo.

  • stop over a Bangkok con massaggio

I massaggi sono la scelta più ovvia, quella che riserva meno sorprese a livello di prezzo e che vi fornisce anche una buona possibilità di scelta. Tenendo sempre che vi state muovendo con lo skytrain o la metropolitana potete scegliere tra:

Sukhumvit soi 22/24/26 – Scendete alla fermata Phrom Phong dello skytrain e cercate nei soi menzionati. Di massaggi in zona ce ne sono tanti, i prezzi si somigliano tutti si tratta quindi di cercare la figa che vi aggrada maggiormente. Ci potrebbe essere bisogno di più di un tentativo quindi entrate ed uscite da più di un locale.

Sono tutti se non affiancati al massimo a pochi passi uno dietro l’altro. Tra i più famosi in soi 24 vi segnalo l’Addicts, Club 102, Mango, Orient, EZ (tutti vicino uno all’altro); in soi 24/1, che altro non è che un vicolo, ne trovate una bella fila ognuno con poche ragazze, ambienti un po’ fumettosi in jap style e tra i vari vi posso consigliare il Boss e l’Apple. In soi 26 quello più famoso è sicuramente lo Snow White, lo vedete appena entrate nel soi dalla sukhmvit alla vostra sinistra.

Ratchada Road: se il vostro obiettivo sono i grandi centri massaggi di questa zona allora dovete arrivare in metropolitana a e scendere a Huai Kwhang, dove trovate posti come Emanuelle ed Alaina oppure alla fermata Sutthisan dove trovate il famoso Poseidon.

  • stop over a Bangkok con pompino

Le pump station sono il massimo dell’ottimizzazione per chi ha i minuti contati tra un aereo e l’altro. Arrivate, entrate, scegliete la gentile addetta che dovrà smascellarsi il vostro membro, dopo poco gli fornite il vostro colluttorio caldo e naturale direttamente in gola, pagate e ve ne tornate in aeroporto. Semplice, veloce, efficace ed a suo modo elegante, lo stopover con pompa è decisamente “un piano ben riuscito” come lo definirebbe il Colonello Hannibal dell’A-Team.

Prendete il treno o il taxi e recatevi alla stazione Nana del BTS. Qui avete da un parte il sukhumvit soi 8 e poco più in là dall’altro lato il soi 7/1. Se imboccate il soi 8 girate poi a destra nel secondo vicolo e vedete il Lolitas, se nessuna delle ragazze qui vi ispira fate altri due passi verso il fondo della stradina e noterete che non è un vicolo cieco. Un passaggio vi conduce nel parcheggio dell’albergo adiacente dove trovate il Kasalong, altra pump station dove poter espletare il tutto. Se optate invece per il soi 7/1 dalla parte opposta della sukhumvit la scelta ricade ovviamente sul Wood Bar (ex Dr Bj) dove troverete senz’altra chi vi succhierà via, passando per la vostra nerchia, lo stress del viaggio.

  • stop over a Bangkok con escort

Questo è fattibile se il vostro stop over dura qualche ora in più tale da dovervi far prenotare un hotel ma non avete comunque tempo a sufficienza per darvi alla ricerca di gnocche in discoteche, gogo bar o quello che sia. La scelta della gnocca home delivery tramite una agenzia di escort non è la soluzione più economica ma probabilmente quella che vi permette di calibrare al meglio la tempistica. Prenotando il giusto hotel guest friendly in anticipo e sapendo i dettagli del volo potete tranquillamente organizzarvi per far arrivare la gnocca pochi minuti dopo il vostro arrivo in albergo e magari poi dedicare il resto della serata o delle ore a disposizione ad altre attività rilassanti come massaggi (veri), sedute in qualche centro estetico, shopping o in qualche ristorante o sky bar…. o per i più valorosi ed energici anche la ricerca di una seconda gnocca…

Hotel per uno stop over a Bangkok

Come detto sopra se il vostro stop over a Bangkok dura qualcosa in più di poche ore e potrebbe essere utile prendere direttamente una stanza in albergo. L’offerta alberghiera in una città come Bangkok è letteralmente smisurata non avrete certo quindi problemi a prenotarvi al volo una stanza per fare i vostri “porci comodi”. Si tratta solo di capire dove e su che fascia di prezzo stare.

Parametro fondamentale da considerare è la posizione. Dovete essere equidistanti da tutto in modo da potervi muovere da e per l’albergo con velocità. Potreste decidere di cambiare il vostro obiettivo o trovarvi per cause di forza maggiore a dover cambiare il piano all’improvviso (un cambio di orario del volo o chissà che altro), siate sempre pronti a tutto e quindi meglio avere la maggior parte delle opzioni a portata di mano.

Per quanto esposto io come zona perfetta per uno stopover a Bangkok consiglio la Asoke Intersection: qui siete molto ben posizionati in quanto siete sulla Sukhmvit esattamente a metà tra Nana con i suoi gogo e beer bar e Phrom Pong con i suoi teen massage. Avete soi cowboy quasi direttamente in stanza e potete raggiungere i soapy massage della Ratchada Road con 3 fermate di metropolitana (di cui trovate l’ingresso proprio all’incrocio con la Sukhumvit). Siete comodi ad arrivare sia in taxi che con il treno, insomma decisamente la location perfetta per uno stop over.

Tra gli alberghi che vi consiglio in zona Asoke:

Pullman Grande – sulla Sukhumvit soi 21 giusto poco dopo Soi Cowboy trovate questo albergo che tradisce i segni dell’età ma che rimane una buona scelta per chi va a caccia di gnocca in zona. Apprezzabile anche il suo ristorante interno.

Furama Xclusive Asoke – quasi di fronte al precedente nonostante il nome un po’ altisonante non è un hotel di lusso, ha il vantaggio della posizione ed un ristorante economico al suo interno.

The Continent – questo albergo è direttamente raggiungibile dal ponte del BTS rtendendolo forse quello logisticamente più adatto al nostro stopover con gnocca. Di costruzione recente è molto facile trovare buone offerte sui portali di prenotazione alberghiera in quanto la società che lo gestisce è molto web oriented.

Sheraton Grande Sukhumvit – Se vi piace l’albergo dallo stile molto classico ed adatto alla nostra situazione allora lo Sheraton fa per voi. Anche questo collegato direttamente con il ponte del BTS (fermata Asoke) rendendolo perfetto per il nostro stop over a Bangkok, 100% guest friendly da segnalare anche l’interessante ristorante a buffet (oltre al sollazzo dei genitali pensiamo anche allo stomaco).

Potete anche spostarvi verso Nana e dintorni per scegliere l’albergo, anche qui siete strategicamente messi bene un po’ più vicini ai locali della soi 11, alle pump station di soi 8 e soi 7/1 ed ovviamente a Nana Plaza. In zona la scelta alberghiera è anche troppa, quindi forse entra in gioco solo il fattore budget a far la differenza. Ve ne elenco 3 dal in fasce di prezzo diverso ma è solo una panoramica molto parziale.

Tra gli alberghi che vi consiglio in zona Nana:

The Landmark – È il classico albergone di lusso frequentatissimo dai puttanieri. Giusto a pochi passi da soi Nana e direttamente sulla Sukhumvit. Se prendete le stanze con il club benefit avete l’accesso alla lounge dove avete un aperitivo gratuito al pomeriggio.

Citrus Suites soi 6 – Aperto da pochissime settimane in seguito ad una pesante ristrutturazione di quello che era un condominio questo albergo della catena Citrus, ce ne è un altro in soi 11 ed uno in soi 15, si trova proprio all’angolo di soi 6 che si congiunge con il soi 4 giusto poco dopo il bar Hillary 4 e di fronte all’altro albergo che vi consiglio che è il Pachara suites.

Ibis soi 4 – Direttamente sulla soi 4 a poche centinaia di metri da Nana Plaza. Come tutti gli Ibis ha le camere piccole ma che vanno bene per uno stop over. Hanno un ristorante che serve sia la colazione che il pranzo a buffet per un prezzo davvero vantaggioso.

Insomma se dovete dormire in zona problemi di alloggio non ne avete proprio, si tratta solo di scegliere un qualcosa che sia comodamente raggiungibile sia con il taxi che con il BTS.

L’importante è che se il tempo non è vostro amico dovete muovervi sapendo già cosa fare e dove andare in modo da calcolare i tempi, evitare imprevisti e portare a casa il risultato! Buon divertimento durante il vostro stop over a Bangkok!

 

 

3 Replies to Come rendere perfetto uno stop over a Bangkok

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *